Olio di oliva dalla Tunisia: occhio all’etichetta

L’Europa ha aperto le frontiere all’olio di oliva proveniente dalla Tunisia e in tanti stanno protestando per la concorrenza rispetto all’olio italiano e per il fatto che l’olio straniero sarebbe di qualità più scarsa e meno sicuro. Una attenta lettura dell’etichetta può farci stare tranquilli. L’olio di oliva tunisino sarà sempre più presente nei…leggi l’articolo […]

Gelati per cani: etichettatura e cenni di nutrizione

Il gelato per cani usato come snack dovrebbe essere correttamente etichettato per aiutare il consumatore a non commettere errori nell’alimentazione del proprio animale. In alcune gelaterie artigianali e in negozi per animali domestici si sta diffondendo l’abitudine ad acquistare gelati per cani. Cerchiamo tramite l’etichettatura di non fare confusione tra alimento per umani adattato…leggi l’articolo […]

Integratori alimentari: una guida per chi compra e per chi vende

Sempre più consumatori si affidano agli integratori alimentari e il mercato è in costante crescita. Una breve guida spiega cosa stabiliscono le norme che li regolano, quali sono gli obblighi di chi li vende e come può tutelarsi chi li compra. Gli integratori alimentari vantano tante proprietà benefiche e possono davvero aiutarci a stare…leggi l’articolo […]

Lo zucchero fa male: la decisione dell’Unione Europea

L’Europa ha dichiarato guerra allo zucchero vietando le etichette alimentari che descrivono le proprietà positive degli zuccheri sulla salute, anche se sono scientificamente provate. Lo zucchero fa male ed è vietato scrivere sulle etichette degli alimenti che ha degli effetti positivi sulla salute, perché non bisogna incoraggiare i consumatori ad acquistare e consumare alimenti…leggi l’articolo […]

Insetti e nuovi alimenti: aperture, semplificazioni e opportunità

Il Reg.UE n. 2283/2015 entrerà in vigore nel 2018, nel frattempo cosa cambia o cosa possono fare le aziende italiane, in particolare del settore mangimistico, per aprirsi a nuovi mercati? Le problematiche ambientali, la necessità di reperire nuove fonti proteiche alternative, la forte diffusione in paesi extra UE e la stessa spinta di Olanda…leggi l’articolo […]